Il modellino come strumento di disegno

“Una specie di linguaggio universale. Tutto il mondo può capire un modellino, questa è la sua bellezza”

 -Peter Pran, arquitecto-

Tutto comincia con un´idea, un`idea di qualcosa che vogliamo creare, lì comincia il processo del disegno, conferendone al principio una forma visiva e successivamente una fisica. Possiamo cominciare con uno schizzo a matita, a penna o a china e poi dare un volume reale con un materiale, creando un primo prototipo in scala. Con láiuto di quest´ultimo potremmo addentrarci ulteriormente nel proceso o della progettazione, modificandolo e migliorandolo passo dopo passo, modellino dopo modellino fino ad arrivare al prodotto finale.
La varietà dei materiali con cui possiamo realizzare i nostri primi modellini è grande. Cartone, plastilina, poliplat, sughero, etc., tutti quei materiali che sono facili da modificare con le mani. Inoltre il fatto di sentirli nelle nostre mani ci aiuta a percepire i volumi e capire meglio come funzionano. I modellini sono più vicini alla realtà e possono dare più informazioni di una pianta o una immagine 3D.
 

                                                                             Modellino di studio, studio di architettura OMA (Olanda)

Lo studente (architettura, ingegneria, disegno industriale) ha la possibilità di sperimentare con i materiali e le forme molto di più di un professionista.Questa tappa così tanto sperimentale è basica per sviluppare e raggiungere grandi risultati alla fine del processo di progettazione di qualsiasi progetto.
Attualmente nei grandi studi di architettura ( mi riferisco a grandi non per la quantità di dipendenti ma per la quantità di buoni progetti che hanno ottenuto nel loro percorso professionale) continuano utilizzando i prototipi come strumento fondamentale del processo di progettazione.

                              Prototipi realizzati per la biblioteca di Pechino, studio di architettura OMA (Olanda)

  

                                                                                                                                                        
                                                

Deja un comentario